Comune di Terre del Reno

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
RSS
Tu sei qui: Home Notizie Raccolta porta a porta

Raccolta porta a porta

Informazioni preventive sulla raccolta porta a porta

Il servizio di raccolta porta a porta che verrà attivato a partire da metà 2019 non è una semplice scelta sulla modalità di esecuzione di un servizio pubblico, ma è dettata dalla necessità di ottemperare a precise disposizioni di legge che ci impongono il raggiungimento di determinati obbiettivi per quanto riguarda i quantitativi di rifiuto riciclabile raccolto.

Un po’ di storia

La raccolta differenziata, già attivata nel territorio servito dall’attuale gestore “Clara Spa”, è stata introdotta per la prima volta nel 2010.
Nell’alto ferrarese, il gestore precedente “C.M.V. Raccolta” attivò questo servizio nei territori di Cento, Bondeno e Mirabello nel 2015, con lo scopo di applicare un sistema avanzato di raccolta, finalizzato al progressivo abbattimento della quota di rifiuti da smaltire ed al contestuale incremento della raccolta differenziata.

Purtroppo, i risultati ottenuti negli anni attraverso altri tentativi di raccolta differenziata, non furono soddisfacenti, in quanto mostravano una stabilizzazione su percentuali di raccolta inferiori a quelli previsti per legge, oltre ad una qualità inadeguata dei materiali presenti nei cassonetti, tale da impedire l’avvio a recupero di una quota significativa di rifiuti.

Il sistema porta a porta, invece, essendo soggetto a controllo del rifiuto da parte dell’operatore, responsabilizza i cittadini e le aziende nella gestione dei propri rifiuti, ed induce ad una separazione sempre più precisa. In questo modo i rifiuti riciclabili vengono trasformati in modo più efficace in nuovi materiali, risparmiando materie prime ed energie.

Obblighi di legge

La legge n. 221/2015 prevede l’obbligo a far data dal 31/12/2017 del raggiungimento della percentuale di raccolta differenziata pari al 65%, pena l’applicazione prevista dall’Art. 32 della addizionale del 20% del tributo di conferimento dei rifiuti in discarica. Dai risultati di raccolta rifiuti in discarica, già nel 2015 il territorio di Terre del Reno risultava palesemente al di sotto di questa cifra prevista dalla legge, con un dato pari al 58,49%.

I dati relativi al 2017 (ultimi dati attualmente disponibili) ci dicono chiaramente che nel territorio di Mirabello, dove la raccolta porta a porta è attiva dal 2015, le percentuali di raccolta differenziata raggiungono l’88,53%, contro il 51,62% di Sant’Agostino.

Risulta quindi evidente che la cosiddetta “scelta” di passare alla raccolta porta a porta non è in realtà una vera e propria scelta, bensì un semplice e naturale adeguamento ad una disposizione legislativa.

Tariffazione Puntuale

Il fine dell’attivazione della raccolta porta a porta su tutto il territorio comunale, oltre alla necessità di evitare l’applicazione di addizionali sul costo dello smaltimento rifiuti (che graverebbero comunque sugli utenti), è collegato all’introduzione a partire dal 2020 del sistema di tariffazione a misura, applicabile solo ed esclusivamente quando sia realizzato un sistema di misurazione puntuale della quantità di rifiuti conferiti al servizio pubblico.

E’ evidente che questo non può avvenire attraverso la raccolta con il cassonetto (se non con sistemi comandati da una scheda/tessera individuale), ma unicamente rilevando presso ogni utente la quantità di rifiuti consegnati mediante i contenitori assegnati ad ogni famiglia/impresa.

Il progetto di unificazione del servizio sul territorio comunale prevede l’introduzione del nuovo sistema di raccolta porta a porta, del tutto uguale a quello già presente a Mirabello, anche nelle altre frazioni di Terre del Reno a partire dal 1 luglio 2019, dopo la definizione puntuale ed accurata con il gestore del servizio (CLARA).

Da questa data fino al 31 dicembre 2019, tutti i cittadini del Comune di Terre del Reno avranno un unico modello di riferimento. Ciò consentirà di garantire un periodo di assimilazione congruente per permettere, a partire dal giorno 1 dell’anno 2020, l’introduzione del sistema di tariffazione SU MISURA, basato sulla contabilizzazione diretta e precisa del conferimento del rifiuto non riciclabile (NR), di quello umido-organico (UO) e degli sfalci e potature (VR).

Come si evince da quanto appena indicato, non vengono contabilizzati i rifiuti riciclabili (carta, plastica, alluminio, vetro ecc.). Questo incentiva ad una corretta separazione dei rifiuti.

In sostanza più riciclo e meno inquino.


Il sistema di tariffazione puntuale è, inoltre, l’unico strumento attualmente disponibile che garantisce una più equa ripartizione delle tariffe tra gli utenti. Ma non solo, è anche l’unico che massimizzi la raccolta differenziata (si paga solo per il rifiuto non riciclabile – umido organico – sfalci e piccole potature) e questo rappresenta chiaramente una premialità per gli utenti.

Altri sistemi di raccolta differenziata, non accompagnati da sistemi come questo di premialità, non permettono di raggiungere così alti livelli di responsabilizzazione degli utenti, oltre che alti livelli di raccolta differenziata.